image gallery item

Salone del Mobile, il presidente Luti si è dimesso

Intanto Federlegno precisa: sull’organizzazione della fiera a settembre ancora nessuna decisione

23/04/2021 -

23/04/2021 - Claudio Luti non è più presidente del Salone del Mobile. È di ieri sera la comunicazione ufficiale di Federlegno Arredo, che intanto precisa: a oggi non è stata ancora assunta alcuna decisione inerente all’organizzazione del Salone del Mobile.Milano 2021.
 
La motivazione delle dimissioni – si legge nella nota diffusa dallo stesso Luti – è la “diversità di visione globale del settore”. Se da un lato si “stava lavorando per costruire le condizioni che assicurassero, compatibilmente con il rispetto dei protocolli e le garanzie sanitarie dovute e richieste, lo svolgimento della manifestazione a settembre”, negli ultimi giorni “si è evidenziata la volontà da parte delle aziende di rinunciare a partecipare al Salone di settembre”.

Sarebbe dunque emerso il timore delle aziende ad investire su un evento che difficilmente potrà contare sull’arrivo in massa dei buyer stranieri. Di qui la difficoltà per loro di sostenere economicamente un’operazione che non potrebbe contare sui numeri e ritorni delle passate edizioni. 
 
“Rispetto le decisioni di tutti – spiega l’ex presidente del Salone del Mobile – ma non condivido la volontà di non fare squadra in un momento così delicato e di rinunciare almeno a provare a definire un percorso concreto per fare quello che potrebbe essere il Salone simbolo della ripresa del Paese. Certamente riconosco le difficoltà e anche le incognite che ci impediscono ora di chiarire tutte le incertezze date dallo scenario pandemico ancora incombente. Ma quello che conta per me è la comune volontà di intenti, che è venuta a mancare”.
 
Si attende ora il verdetto ufficiale sul Salone di settembre. “Ogni decisione – si legge nel comunicato di Federlegno Arredo – è rimessa alla valutazione del Consiglio di Amministrazione della società che si riunirà nei prossimi giorni”.